FANDOM


From Youtube

Description

Claudio Monteverdi () Lamento d'Arianna (Lasciatemi morire)

Roberta Mameli, soprano Takashi Tsunoda, chitarrone

____

Lasciatemi morire E chi violete voi che mi comforte in così dura sorte, in così gran martire? Lasciatemi morire O Teseo, o Teseo mio, Sì che mio ti vo'dir, che mio pur sei, benché t'involi, ahi crudo! a gli occhi miei. Volgiti, Teseo mio, volgiti, Teseo, oh Dio! volgiti indietro a rimirar colei che lasciato ha per te la patria e il regno, e in queste arene ancora, cibo di fere dispietate e crude, lascerà l'ossa ingude. O Teseo, o Teseo mio, se tu sapessi, oh Dio! se to sapessi, ohimè! come s'affanna la povera Arianna. forse, forse pentito rivolgeresti ancor la prora al lito. Ma con l'aure serene tu te ne vai felice, ed io qui piango; a te prepara Atene liete pompe superbe, ed io rimango chibo di fere in solitarie arene; te l'uno e l'altro tuo vecchio parente stringeran lieti, ed io più non vedrovvi, o madre, o padre mio Dove, dove è la fede che tanto mi giuravi? Così ne l'alta sede tu mi ripon de gli avi? Son queste le corone onde m'adorni il crine? Questi gli scettri sono, queste le gemme e gli ori: lasciarmi in abbandono a fera che mi strazi e mi divori? Ah Teseo, ah Teseo mio, lascerai tu morire, in van piangendo, in van gridando aita, la misera Arianna che a te fidossi, e ti diè gloria e vita? Ahi, che pur non risponde! Ahi, che più d'aspe è sorde a'miei lamenti! O nembi, o turbi, o venti, sommergetelo voi dentr'a quell'onde! Correte, orche e balene, e de le membra immonde empiete le voragini profonde! Che parlo, ahi! che vaneggio? Misera, ohimè! che chieggio? O Teseo, o Teseo mio, non son quell'io che i feri detti sciolse; parlò l'affanno mio, parlò il dolore; parlò la lingua sì, ma non già 'l core. Misera! ancor do loco a la tradita speme, e non si spegne, fra tanto scherno ancor, d'amore il foco? Spegni to, Morte, omai le fiamme indegne. O madre, o padre, o de l'antico regno superbi alberghi, ov'ebbi d'or la cuna, o servi, o fifi amici (ahi Fato indegno!), mirate ove m'ha scorto empia fortuna! Mirate di che dual m'han fatto erede l'amor mio, la mia fede, e l'altrui inganno. Così va chi troppo ama e troppo crede.

Appears on these pages
of

File history

Click on a date/time to view the file as it appeared at that time.

Date/TimeThumbnailDimensionsUserComment
current17:02, August 16, 2015Thumbnail for version as of 17:02, August 16, 201510:00480 × 269 (33 KB)Damian0358 (wall | contribs)created video

Metadata

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.